Neonato gettato dal balcone. Arrestata la mamma

Neonato gettato dal balcone. Ha già confessato e ammesso tutte le proprie responsabilità.

Nella notte i Carabinieri della compagnia di Chivasso, hanno sottoposto a fermo, una donna italiana di 34 anni. Ritenuta colpevole di omicidio aggravato di un neonato appena partorito. Presumibilmente gettato dal balcone.

Il fatto è accaduto ieri mattina attorno alle 6.30 in via Turati a Settimo. Siamo alle porte di Torino.

Inutili i soccorsi, il neonato è morto poco dopo

Il piccolo è stato subito soccorso da due uomini addetti alle pulizie delle strade. Trasportato d’urgenza al’ospedale Regina Margherita di Torino dove, però, inutili sono state le cure.

Il neonato è morto poco dopo l’arrivo al nosocomio.

Al momento non risulta che altre persone siano intervenute per aiutare la donna durante il parto e nel disfarsi del neonato.

L’atteggiamento della donna ha insospettito gli inquirenti

Ad insospettire gli inquirenti, erano stati i racconti dei vicini di casa della donna. Interrogati dai Carabinieri, alcuni avevano detto di aver notato una donna, già madre di un altro bimbo che era stato affidato al padre, affacciata dal balcone, a seguire le scene del ritrovamento del feto ed ai primi soccorsi fatti al neonato.

Era l’unica a non essere mai scesa per strada.

Sempre i vicini, avevano raccontato, che ne giorni scorsi, a chi le chiedeva se fosse incinta, la donna aveva sempre risposto negando tutto. La cosa che ha fatto insospettire gli stessi vicini era che le risposte venivano date sempre con un certo nervosismo.

Sgomento e stupore in tutta la comunità.

Un fatto da far rabbrividire anche i meno sensibili. E’ assurdo quanto accaduto.

Oggi, una donna, può decidere di partorire con estrema sicurezza ( sia per lei che per il nascituro) in un qualsiasi ospedale pubblico e, se lo desidera, può rimanere in perfetto anonimato disconoscendo anche la patria podestà del neonato.

Un caso che, molto probabilmente, farà discutere.

1939total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *