Islam Estremo: donna picchiata a sangue dal proprio marito perchè non voleva indossare il Burqa

Islam estremo. Dopo aver documentato il caso della 15enne obbligata a sposare un uomo di 10 anni più vecchio è di poco fa la notizia di un nuovo “caso surreale” per il pensiero occidentale.

Islam estremo: Il fatto è accaduto in provincia di Napoli, a Sant’Anastasia.

Una donna non ha voluto indossare il burqa, e per questo il marito ha deciso di prenderla a calci e pugni, accusandola di volersi comportare ”alla occidentale” e, come se non bastasse, ha pensato di rinchiuderla in bagno per evitare che la stessa chiamasse i soccorsi.

Nonostante tutto, la vittima è riuscita a scappare e a denunciare il tutto. Sono intervenuti i carabinieri che hanno arrestato l’uomo – un marocchino di 51 anni – per sequestro di persona, minaccia aggravata e maltrattamenti in famiglia.

Secondo i militari, dopo i dovuti accertamenti, l’uomo aveva picchiato a calci e pugni la moglie 28enne – anch’ella marocchina – procurandole lesioni al volto. Si tratta di un nuovo caso di “Islam estremo

Per i medici, le lesioni sono guaribili in 15 giorni.

L’uomo voleva imporre l’uso di abiti lunghi e del burqa.

Islam estremo : la ricostruzione dei fatti

La 28enne, dopo essere riuscita a scappare, giunta per strada, si è accasciata al suolo. E’ stata notata da alcuni passanti che, insieme alla vittima, hanno allertato i carabinieri. Giunti sul luogo, la 28enne ha raccontato, nei minimi dettagli, i soprusi ai quali è stata costretta.

I militari hanno arrestato il 51enne. Attualmente risulta detenuto nel carcere di Poggioreale.

1627total visits,2visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *