Inchiesta ONG: Le parole di Zuccaro dividono la politica

Inchiesta ONG.

La grande, o scarsa, filantropia delle ONG evocata da Carmelo Zuccaro in Parlamento, dipende dalla diversa sensibilità Politica di chi guarda a chi è impegnato, nelle acque del Mediterraneo. Nel giorno in cui il procuratore catanese viene ascoltato dalla Commissione Difesa del Senato, il partito Pro-Zuccaro e quello Pro-ONG, non abbandonano le proprie convinzioni.

Inchiesta ONG: la Lega

Tra gli sponsor politici del magistrato c’è, senza dubbio, Matteo Salvini che da Terni, lancia l’allarme etnico.

Speriamo che il procuratore Zuccaro, possa fare fino in fondo il suo lavoro” afferma il Leader Leghista. E continua “Che ci sia gente che sta guadagnando sulla pelle dei disgraziati che partono dalla Libia per trovare un futuro in Italia, che non c’è neanche per gli italiani, dimostra che è in corso un tentativo di pulizia etnica, ai danni degli italiani“.

Inchiesta ONG: Il movimento 5 stelle

Il Movimento 5 Stelle ha depositato una proposta di legge che da, alle Procure, il potere di svolgere efficacemente le indagini. Con la possibilità di avvalersi della Polizia Giudiziaria in navi di Guardia Costiera e in navi militari.

Inchiesta ONG: Forza Italia

Forza Italia esprime solidarietà al Procuratore di Catania. “Il ruolo, al di là della parte umanitaria, di alcune ONG, non è affatto chiarito” sono le parole di Brunetta. Continua “Non è accettabile l’arroganza di alcune di esse nelle loro audizioni recenti“. Conclude esprimendo piena solidarietà al Procuratore Zuccaro.

Inchiesta ONG: Sinistra Italiana

Sinistra Italiana, dal canto suo, respinge il fango lanciato contro le ONG e chiede all’esecutivo di tutelarle.

Inchiesta ONG: Il Governo

Il Governo, non intravede nelle parole di Zuccaro materia per un’azione disciplinare. Il Ministro di Grazie a Giustizia, Andrea Orlando, interpreta le diverse posizione delle procure sulle ONG, come “normale dialettica“.

Non mi pare che si configuri, in alcun modo, un illecito di natura penale” afferma il ministro. E continua “Non può essere giustificato un intervento del Ministero

3355total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *