Sviene in strada: trovato un feto nella sua borsa

Un feto nella borsa

Stava passeggiando nel centro città quando, improvvisamente si accascia a terra. E’ successo ad una giovane donna, in un paese della provincia di Viterbo: Candelo.

Alcuni passanti, hanno provveduto immediatamente a soccorerla e, appena si sono avvicinati hanno notato delle “strane macchie di sangue”.

Una volta allertati i sanitari, nell’attesa che gli stessi giungessero sul luogo, un’immagine “sconvolgente” si è protratta alla vista dei “primi soccorritori”.

La donna, stringeva tra le mani una borsa e anch’essa era sporca di sangue. Nel tentativo di spostarla, per agevolarle “il rialzarsi”, è fuoriusciuto un corpicino senza vita.

Si trattava di un feto: la donna aveva abortito poco prima.

Giunti sul posto i sanitari del 118, hanno provveduto a portarla al nosocomio del luogo dove, tutt’ora, risulta ricoverata, ma non in pericolo di vita.

Da alcune indiscrezioni si tratterebbe di una prostituta Nigeriana.

Il luogo dove è avvenuto il fatto – è risaputo – fa parte di un’ampia zona a nord dell’autostrada Torino-Milano ben nota per il giro di prostituzione e molto probabilmente, avrebbe continuato a svolgere il suo lavoro nonostante “il suo stato interessante”.

Al momento risulta impossibile indentificare la donna, in quanto priva di documenti. L’unica cosa che si è potuto accertare è che fa parte di un nutrito gruppo di prostitute, che svolgono il proprio “lavoro” nei comuni compresi tra Biella, Vercelli, e Novara.

Secondo  gli inquirenti, le indagini, per poter ricostruire il tutto, risultano molto più complicate del previsto. La donna si rifiuta di collaborare, oltretutto lascia intendere di non conoscere l’italiano.

Il ritrovamento del feto: un caso davvero sconcertante che solleva un questione annale.

E’ giusto, oppure no, riaprire le case chiuse – o casino -?

Secondo molti sì, sia per le condizioni igenico sanitarie in cui vivono e operano le “maestranze” del settore, ma anche e sopratutto per evitare che siiverifichino situazioni analoghe.

Fonte

 

1748total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *