Sacchetti per la frutta a pagamento

Condividi

Biodegradabili e compostabili ecco i nuovi sacchetti per frutta  verdura: plastica addio, si useranno solo involucri ecologici.



Sacchetti biodegradabili

Buone notizie per l’ambiente, brutta sorpresa per i consumatori perchè, i nuovi contenitori, saranno a pagamento:proprio così.

Il conto arriva alla cassa con la spesa trasformandosi in una sorta ti tassa su frutta e verdura che molti hanno già definito: una biofregatura.

I clienti dovranno pagarli insieme con il resto della spesa. La normativa impedisce ai negozianti di cederli gratuitamente. Per loro pesantissime le multe: da 2500 a 25 mila euro.



Opinioni discordanti

Discordanti le opinioni tra i consumatori c’è chi si dice propenso a pagarli, “purchè siano davvero biodegradbili“. Al contrario c’è chi afferma: “è una bella fregatura, basta pagare dappertutto, non fanno più niente per niente“.

Il prezzo dei sacchetti potrebbe variare dai 5 ai 10 centesimi a pezzo e, considerato che il consumo pro-capite è di circa 180 sacchetti all’anno, si parla di un gira d’affari che si aggira intorno ai 480 milioni di euro.

I nuovi involucri ecologici dovranno rispettare gli standard internazionali. Saranno i banchi di frutta e verdura che, a partire dal primo gennaio, si dovranno adeguare alle nuove normative.



Facebook Comments
Condividi

3420total visits,33visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

… scusa il disturbo …

 …per noi la visibilità è importante.

Basta un click sul tasto “mi piace”.

Grazie e buon proseguimento