Gravina: il vulcano che ha inghiottito diverse pecore

Condividi

Gravina in Puglia: E’ Piccolo, ma pericoloso il vulcano di fango che spunta a Gravina, precisamente nella Fossa Bradanica.



A parlare è un agricoltore del luogo : “ha inghiottito molte pecore”.

In pochi lo sanno, ma nelle vaste terre della Fossa Bradanica, sull’Alta Murgia tra Puglia e Basilicata, si è sviluppato un piccolo vulcano di fango. Non erutta lava o lapilli, bensì importanti quantità di materiale caldo argilloso misto ad acqua, sabbia e vari gas. Un vulcano di fango viene denominato anche come vulcanello ma per quanto possano sembrare innocui è sempre meglio stare a distanza di sicurezza in quanto l’attività eruttiva di questi particolari piccoli vulcani è molto imprevedibile e a volte può anche essere pericolosa.



 

Gravina in Puglia: il luogo dove sorge il “vulcanello”

Il vulcanello di fango si trova nelle campagne di Gravina in Puglia (BA) e sorge nella proprietà di Francesco Paolo, agricoltore del luogo, il quale invita chiunque si avvicini in zona di stare attenti al vulcanello. Ha un diametro di circa tre metri e appare come un laghetto grigio  formato da fango e argilla. Stando alle parole dell’agricoltore, il vulcanello quando è in attività erutta in maniera improvvisa ed espelle materiale caldo argilloso anche a diversi metri di distanza. Inoltre pare che durante questi suoi parossismi addirittura diverse pecore sono state inghiottite dalla fanghiglia.



 

Come si forma

La genesi dei fanghi è da attribuire alla risalita di acqua e gas sotto pressione attraverso discontinuità strutturali in formazioni argillose o attraverso vere e proprie faglie. Quando i vulcani di fango si trovano presso un vulcano di lava, in generale emettono anidride carbonica (CO2); questo perché il metano primordiale reagisce con l’ossigeno.La loro formazione, in genere, non è legata ad un’attività vulcanica secondaria, ma ad un particolare fenomeno che per somiglianza viene definito vulcanesimo sedimentario; le salinelle di Paternò e di Belpasso, in provincia di Catania, fanno eccezione perché sono legate a veri fenomeni vulcanici.




 

Fonte: inmeteo.net

Facebook Comments
Condividi

2437total visits,6visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

… scusa il disturbo …

 …per noi la visibilità è importante.

Basta un click sul tasto “mi piace”.

Grazie e buon proseguimento

 

Se ti piace scrivere e vuoi dire la tua, noi diamo visibilità al tuo pensiero.

Scrivi anche tu su notiziedallarete.it contattaci

e mail: info@notiziedallarete.it