Orso in casa. E’ accaduto a Villavallelonga

Condividi

Un Orso in casa.

Le parole di chi ha vissuto, in prima persona, questa terribile esperienza, in un’intervista a tgcom24.

Il racconto: “Ho visto l’orso che stava venendo nelle camere

Ho sentito rumori sotto casa. Sono andato giù e. mentre stavo scendendo le scale ho visto l’orso che stava salendo sulle scale sulla camera. Come mi ha visto si è messo paura e si infilato nella sala da pranzo“.

A parlare è Medoro Bianchi, il padre di famiglia che, fortunatamente, oggi può raccontare quanto avvenuto come una terribile avventura.

Sono tornato sopra, ho preso i bambini, perchè avevo paura che succedesse qualcosa, e gli ho portati ad un terrazzo che c’è all’esterno e porta su una mansarda“.




Momenti di paura

Siamo a Villavallelonga, nel Parco Nazionale D’Abruzzo, un’orso si introduce in un’abitazione e scatena il panico.

Gli abitanti, una famiglia con due bambini di sei e otto anni,  riescono a fuggire e raccontano la terribile avventura. “Ho visto che l’orso rimaneva fermo là. Sono arrivati alcuni amici perchè è iniziato a suonare l’allarme, e mi hanno aiutato a fare scendere i bambini dal balcone. Subito dopo è scesa mia moglie e per ultimo io“.




Stanno tutti bene

Nessuna conseguenza quindi, ma solo un grande spavento. “Dalle 4,00 alle 8,00 ci hanno tenuto sotto osservazione in ospedale. Poi ci hanno mandato dallo psicologo, anche perchè mia moglie non stava bene“.

Uno shock talmente forte che questa sera non torneranno a dormire nella loro casa, oltretutto devastata: “Stasera andremo a dormire da un’altra parte. Vediamo un pò dove“.




L’animale è noto nella zona

L’Orso è conosciuto con il nome di Mario. E’ stato catturato, narcotizzato ed è stato rilasciato più lontano sulle montagne.

Medoro Bianchi ed i suoi famigliari, però, non dimenticheranno facilmente questa nottata. Conclude la sua intervista affermando che: “è stata un’esperienza bruttissima che non auguro a nessuno“.




Facebook Comments
Condividi

2122total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

… scusa il disturbo …

 …per noi la visibilità è importante.

Basta un click sul tasto “mi piace”.

Grazie e buon proseguimento