Austria: bloccare i migranti a Lampedusa

In Austria la campagna elettorale è appena iniziata. Da qui al 15 ottobre, data fissata per le elezioni, l’Italia dovrà abituarsi, a sentire da Vienna, grosse sparate sui migranti.

Evidentemente è un tema che smuove voti anche al di là delle Alpi.

Uno dei più attivi, in questo senso, è il Ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz. Appena 30 anni: è il nuovo leader del Partito Popolare.

Austria: incontro tra Alfano e Kurz

Nell’incontro a Vienna, con il suo omologo italiano, Angelino Alfano, Kurz è tornato a pretendere lo stop al trasferimento, sulla terra ferma, dei migranti che approdano sulle nostre isole.

Dice che c’è il rischio, che i migranti stessi, se ne vadano più a nord. La soluzione, dunque, secondo Kurz “è di lasciarli tutti nelle isolette. Altrimenti, se si sovraccaricherà l’Europa centrale, bisognerà chiudere le frontiere con l’Italia“.




Non è la prima volta

Minaccia già sentita. Peccato che, solo due giorni fa, un altro esponente del governo austriaco, il Ministro dell’interno Wolfgang Sobotka, dopo un sopralluogo al Brennero, aveva dovuto ammettere che la situazione al valico era assolutamente tranquilla, e che i transiti di migranti, si riducono a qualche decina al giorno.

Peccato anche, che l’idea di Kurz di bloccare i profughi nelle isole, già avanzata lunedì scorso a Bruxelles, sia stata subito, categoricamente, esclusa dalla Commissione Europea. Il Ministro, o non conosce il numero degli sbarchi a Lampedusa, oppure li conosce – cosa molto più probabile -, ma continua ad avanzare una proposta impraticabile, quindi solo a fini elettorali. Delle due difficile dire quale sia la peggiore.




1313total visits,8visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

Non ti costa nulla

Basta un click su “mi piace”