RCA: alla Campania il primato delle tentate frodi

RCA. Gli incidenti stradali con richiesta di  risarcimento alle assicurazioni e a rischio di frode, cioè che presentano delle anomali, quest’anno sono arrivate a 668 mila.

Secondo l’I.V.ASS. – Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni – 70 mila in più rispetto allo scorso anno.

Dal 2012 l’aumento è stato del 70 per cento.

Sono a rischio frode il 23 per cento del totale dei sinistri denunciati. Circa 3 milioni.

La tendenza è in costante aumento.

La mappa geografica vede in testa la Campania con oltre 115 mila sinistri a rischio. Al contrario, la regione più virtuosa è la Valle D’Aosta, con solo 1200 sinistri a rischio su oltre 7 mila.




Costi RCA sempre più alti

Proprio per queste truffe, il peso poi finisce col ricadere su tutta la collettività. Gli automobilisti che risiedono in determinate zone sono, a causa delle frodi, costretti a dover pagare tariffe ben più alte rispetto alla media.

Dall’Istituto di Vigilanza si cerca di arginare il fenomeno. Su circa la metà del totale dei sinistri con anomalie, 339 mila, vengono svolti particolari approfondimenti, e 50 mila di questi si sono catalogati senza seguito. Le frodi sono state individuate.




RCA e tasso di incidentalità

Altro dato interessante è quello sul tasso di incidentalità nelle varie provincie.

In questo caso vengono evidenziate le criticità di città come Napoli e della Campania in generale.

3,37 i  sinistri per ogni chilometro di strada si sono verificati, quest’anno, in Campania anche se la Lombardia la supera con 4.68 sinistri.

Se guardiamo le grandi città, Napoli è in testa con 16,15, seguita da Milano con 9,7 e da Roma con 7,84 incidenti per chilometro di strada




1897total visits,2visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

Non ti costa nulla

Basta un click su “mi piace”