Sorrento: cambiavano soldi falsi con le macchinette

Sembrava un’allegra comitiva di amici a spasso per Sorrento.

In realtà il gruppetto spendeva, o cambiava banconote da 10 euro false, con la scritta Fac-Simile, nelle macchinette cambiavalute o nei distributori di merendine.

A bloccare la “Banda degli Onesti” – l’indagine è stata chiamata così in onore del film di Totò – sono stati i Carabinieri.




Operavano a Sorrento ma erano di Napoli.

Hanno filmato la comitiva napoletana in trasferta ed ha accertato che, sopratutto durante il week end, si confondevano in mezzo ai tanti turisti per entrare in azione.

Quasi sempre in tarda serata o all’alba.

si fermavano davanti alle macchinette cambia valuta, molte nella zona. Oppure spendevano i soldi finti, acquistando prodotti.

Acquistavano talmente tanti prodotti che spesso, li lasciavano vicino ai distributori e portavano via solo il resto in monetine.

Una pratica che ha fruttato diverse migliaia di euro.




Come è possibile che quelle banconote venissero accettate dai distributori

Grazie al Nucleo Antifalsificazione, i Carabinieri hanno scoperto che, alla vista e al tatto, le banconote sembravano palesemente false, con tanto di scritta “Fac-Simile”, per evitare contestazioni in caso di controlli.

Nell’impasto della carta, c’erano fibrille luminescenti in grado di ingannare le macchinette.

Sette gli indagati, quattro si trovano agli arresti domiciliari. L’accusa è “Concorso in contraffazione e furto aggravato




3807total visits,4visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *