CyberBullismo: Bebe Vio premiata a Roma

Condividi

Per sconfiggere il CyberBullismo bisogna darsi da fare. Bisogna capire che bisogna chiedere aiuto. Abbiamo la fortuna di non essere da soli“.

A dire queste parole è Bebe Vio, campionessa paraolimpica, testimonial della giornata dedicata alla lotta al CyberBullismo.

Proprio lei, che è stata vittima di attacchi sul web, si è rivolta a centinaia di ragazzi delle scuole medie di Roma e dice: “Il CyberBullismo bisogna volerlo sconfiggere, quindi bisogna darsi da fare“.




L’atleta è stata premiata dal Sindaco Virginia Raggi.

Nella consegna del premio, le parole del sindaco capitolino. 

“Siamo convinti che esempi positivi come Bebe Vio e come tanti altri, magari qualcuno tra i presenti, in totale anonimato,  possono portare avanti progetti come “Una vita da Social”. Un contributo che aiuta a dialogare e a farsi comprendere dai giovani“.




Cyberbullismo: approvata norma contro il fenomeno

Quella di oggi è stata una giornata, fortemente voluta da Polizia e Campidoglio, per dire no alla violenza sui social che distrugge e avvelena le vite di tanti ragazzi. Spesso, la violenza sui social, porta a conseguenze più tragiche rispetto a quello che può fare la “violenza reale”

La Polizia di Stato tiene tantissimo a questo tipo di progetti perchè aiutano a prevenire episodi e fenomeni drammatici come il CyberBullismo.

Secondo alcuni, che sono riusciti a denunciare, è più difficile denunciare tali episodi che esserne vittime. Affinchè il fenomeno si possa eliminare, la conoscenza e la denuncia sono di vitale importanza.

Il Cyberbullismo si può sconfiggere. Proprio oggi è stata approvata una legga contro questo fenomeno.




Facebook Comments
Condividi

1736total visits,4visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

… scusa il disturbo …

 …per noi la visibilità è importante.

Basta un click sul tasto “mi piace”.

Grazie e buon proseguimento