Attacco informatico di devastante propagazione

Siamo sotto attacco. Il nemico invisibile potrebbe colpire ancora“.

A dirlo è il giovane tecnico britannico che è riuscito a bloccare il più grande attacco informatico su scala mondiale.




Wanna Cry. Questo il nome del Malware lanciato dai pirati informatici, che ha colpito 99 paesi, agendo sempre nello stesso modo.

Si è propagato via web, attaccando qualunque dispositivo connesso. Dai computer negli ospedali, ai telefoni negli uffici. Persino gli elettrodomestici nelle case.

Tecnicamente è un “Ransomware“. Un software che cripta dati e blocca funzioni e chiede un riscatto per rilasciarli.

Il denaro viene richiesto sotto forma di bitcoin, la moneta virtuale.

In questo caso chiedeva una somma che variava dai 300 ai 600 euro.




Attacco riuscito grazie ad una falla di Windows

Per propagarsi, ha sfruttato una falla del sistema operativo windows: MS1010 – recentemente corretta – .

Ad essere protetti, quindi, erano solo i pc che avevano appena fatto l’aggiornamento. Comunque non compatibile con Windows XP che rimaneva vulnerabile.

A differenza di molti malware, questo virus entra nel computer senza bisogno di aprire un file o un link.

Per questo è riuscito ad infestare gli ospedali britannici ed i telefono spagnoli. La rete russa ed i pc dell’Università Bicocca di Milano.




Consigli: semplici ma utili

Anche se per questo tipo di virus non è servito, rimangono comunque i consigli di sempre per difendersi.

  • Aggiornare sempre il sistema operativo
  • Mai aprire e mail sospette con allegati;
  • Non pagare mai il riscatto. Potrebbe rivelarsi inutile.

Come tutti i nemici Wanna Cry, per il suo attacco,  ha usato il nostro punto debole: la voglia di essere sempre interconnessi.




1845total visits,2visits today

Un pensiero riguardo “Attacco informatico di devastante propagazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

Non ti costa nulla

Basta un click su “mi piace”