Cleveland: si è suicidato il killer di facebook

Cleveland. Il killer di Facebook, così ormai lo chiamavano, si è sparato dopo che era stato intercettato dalla polizia della Pennsylvania. La sua fuga, iniziata a Cleveland in Ohio tre giorni fa, è finita.

Steve Stephens, 37 anni, educatore in un centro per bambini, aveva ucciso un pensionato di 74 anni il giorno di Pasqua. Aveva postato il video dell’omicidio sui social network senza che nessuno lo togliesse per almeno due ore.

Questo ha sollevato polemiche durissime su quanto la rete possa difendere i propri utenti da tanto orrore.




Steve aveva scelto a caso la sua vittima. Gli aveva chiesto di pronunciare il nome della donna che lo aveva lasciato. La vittima, un uomo anziano e impaurito, ha ubbidito. Subito dopo la frase: “ora sai il perchè di quello che sta accadendo“. Uno sparo dritto in faccia dell’anziano, una sequenza di morte raccapricciante.

Steve, con tutta tranquillità è risalito in auto e, sempre mentre riprendeva il tutto, aveva minacciato di uccidere ancora.




Cleveland: il rapporto della Polizia

Il rapporto della polizia racconta che, alle 11,00 ora locale (17,00 in Italia), una pattuglia ha notato la sua auto in un parcheggio di un Fast Food, lo ha avvicinato, lui non ha esitato un secondo: ha preuto il grilleto e si è ucciso.




628total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

Non ti costa nulla

Basta un click su “mi piace”