Secondo la diocesi di Mostar Duvno, le apparizioni di Medjugorje non sono autentiche.

Condividi

E’ evidente che Medjugorje si può definire come l’ultimo mistero del cristianesimo. Chiunque abbia a che farne, dal punto di vista del business, ha solo da guadagnare.

Una ricerca, ha mostrato il volume di denaro che, dal 1981 ad oggi, hanno incassato i “vicini  delle apparizioni della Madonna a Medjugorje”. La somma totale si aggira intorno agli 11 miliardi di euro. I frati avrebbero incassato oltre 290 milioni di euro di solo donazioni.


Nonostante tutto, la Chiesa è rimasta sempre un pò scettica riguardo le apparizioni a Medjugorje. Da qualche giorno, sul sito della diocesi, il vescovo di Mostar Duvno,  Ratko Peric,  ha pubblicato un documento che sminuirebbe tutte le apparizioni, comprese anche quelle del 1981.

Secondo il documento la Madonna non sarebbe mai apparsa a Medjugorje. Si legge che: “la figura femminile che sarebbe apparsa a Medjugorje si comporta in modo del tutto diverso dalla vera Madonna, Madre di Dio, nelle apparizioni riconosciute fin’ora come autentiche dalla Chiesa.


Il documento, tratta diverse commissioni, a partire dal 1982 sino a quelle ancora in corso. Viene presa in cosiderazione anche l’ultima commissione composta da Teologi e Cardinali, tra i quali il Cardinale Ruini, voluta per esplicita richiesta da Benedetto XVI. Dopo oltre 5 anni si è conclusa nel 2015 ed i lavori furono consegnati a Papa Francesco che, in quell’occasione, criticò in modo pubblico Medjugorje

Va detto che, questa commissione aveva dato un parere tutt’altro che negativo alla natura sovrannaturale delle primissime apparizioni della Madonna. Solo a quelle relative a Giugno del 1981, senza esprimersi su tutte le altre apparizioni avvenuto dopo.


 

Il Documento

Tutto questo sino a quando, il Vescovo, non ha deciso di pubblicare il documento per renderlo visibile a tutti.

Nel documento si legge: “Sebbene talvolta si sia detto che le apparizioni dei primi giorni potrebbero essere ritenute autentiche e che poi sarebbe sopraggiunta una sovrastruttura per altri motivi, in prevalenza non religiosi.  […] con piena convinzione e responsabilità esponiamo i motivi per cui appare evidente la non autenticità dei presunti fenomeni […]. La posizione di questa Curia per tutto questo periodo è stata chiara e risoluta: non si tratta di vere apparizioni


Il comportamento della Madonna che appare a Medjugorje, non è lo stesso comportamento che ha nella altre apparizioni, già esaminate e accettate dalla Chiesa. La Madonna, non parla mai per prima, ride in maniera strana, ma sopratutto non “obbedisce” mai ai veggenti e al vescovo che la fanno scendere dal colle e, oltretutto, controvoglia.

Il Vescovo conclude affermando che: “Questa non è la Madonna evangelica


La pubblicazione del documento, è avvenuta proprio lo stesso periodo che Papa Francesco, ha incaricato un “inviato speciale” per “acquisire più approfondite conoscenze della situazione” e valutare se organizzare “eventuali iniziative pastorali in futuro.

Non è mancata l’immediata replica di uno dei più grandi sostenitori e devoti della Madonna di Medjugorje: Paolo Brosio.


Il giornalista, in un post su Facebook, definisce quanto pubblicato dal Vescovo: “un attacco senza precedenti con toni diffamatori e denigratori“.

 

Condividi

874total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

… scusa il disturbo …

 …per noi la visibilità è importante.

Basta un click sul tasto “mi piace”.

Grazie e buon proseguimento

 

Se ti piace scrivere e vuoi dire la tua, noi diamo visibilità al tuo pensiero.

Scrivi anche tu su notiziedallarete.it contattaci

e mail: info@notiziedallarete.it