Dopo Facebook, Google e Twitter, anche Wikipedia si schiera contro le bufale

Dopo Facebook, Google e Twitter, anche Wikipedia si schiera contro le bufale: i collaboratori dell’edizione inglese, hanno deciso di eliminare il Daily Mail dalle fonti citate, valutando il tabloid “generalmente inaffidabile” per via di “scarsa verifica dei fatti, sensazionalismo e notizie inventate”.


396total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *